L’allevamento dei vitelli: l’allattamento naturale

allevamento vitelli, allattamento vitelli

Dopo aver visto come avviene tradizionalmente l’allevamento dei vitelli, ossia mediante l’allattamento artificiale, in quest’articolo verranno analizzati tre sistemi d’allevamento che prevedono il contatto tra vacca e vitello e l’assunzione del latte in maniera naturale. Si analizzeranno anche gli svantaggi e i vantaggi derivanti da questi nuovi sistemi di gestione dei vitelli.

3 diversi modi per allevare i vitelli ricorrendo all’allattamento naturale

3 sono i sistemi d’allevamento che possono essere impiegati se si vuole ricorrere all’allattamento naturale dei vitelli. La decisione su quale sistema sia meglio adottare dipendere dal metodo d’ allevamento utilizzato, dall’attrezzatura impiegata, dalle caratteristiche della mandria e dalle preferenze manageriali dell’allevatore.

Allattamento con accesso limitato e mungitura

Le vacche e i vitelli vengono ricongiunti due volte al giorno appositamente per l’allattamento. Solitamente le vacche allattano il proprio vitello, ma a seconda della gestione e delle necessità possono allattare anche altri vitelli.

L’allattamento può avvenire immediatamente prima o dopo la mungitura o un’ora prima o un’ora dopo la mungitura, portando il vitello alla madre o viceversa.

Allattamento con accesso illimitato e mungitura

Le vacche e i vitelli sono in contatto tra loro per diverse ore al giorno o illimitatamente. In aggiunta le vacche sono munte 1–2 volte al giorno. Anche in questo caso le vacche possono allattare solo il proprio vitello o più vitelli.

Allattamento mediante balia

Le vacche sono tenute costantemente insieme a 2–4 vitelli ciascuna senza essere munte, mentre le madri dei vitelli dopo un breve periodo di allattamento sono munte normalmente. Anche le balie possono tornare ad essere munte dopo che i vitelli sono stati svezzati.

Soprattutto se si adotta il primo metodo può essere utile marcare i vitelli e le madri con un colorante per bestiame, per rendere più facile il riconoscimento e verificare che il vitello stia assumendo latte da sua madre e non da altre.

allattamento capretti

Biuzi Pastelli Marcatura del Bestiame, 24Pcs Pastelli per marcatura del Bestiame

Vantaggi e svantaggi dell’allattamento naturale

Adottare un sistema d’allattamento che prevede il contatto madre e figlio porta ad avere i seguenti vantaggi:

  • è possibile avere un comportamento naturale specie ­specifico sia per la vacca sia per il vitello;
  • il vitello non ingerisce aria, assumendo la giusta posizione durante l’assunzione;
  • meno patologie rispetto all’allevamento al secchio perché i vitelli ricevono latte caldo direttamente dalla madre;
  • vitelli allattati dalla propria madre mostrano anche un migliore sviluppo dopo lo svezzamento, partoriscono più precocemente e hanno una maggiore produzione di latte durante la prima lattazione;
  • minor utilizzo di concentrato grazie all’assunzione del latte dalla madre;
  • gli animali allevati con questo sistema raramente si suc­chiano tra loro, sviluppano meno stereotipie di lecca­mento, e mostrano migliori comportamenti sociali;
  • le manze allevate con la madre diventano a loro volta delle madri adatte a questo sistema;
  • minore stress per gli animali;
  • vacche con problemi cronici ai capezzoli possono essere curate attraverso l’allattamento del vitello
  • c’è un minore carico di lavoro per l’allevatore che non dove riscaldare il latte, alimentare i vitelli e pulire il secchi;
  • l’allevatore può simultaneamente allevare rimonta e vitel­li da ingrasso.

Questo sistema d’allevamento può portare ad avere anche degli svantaggi come:

  • maggiore stress da separazione per la madre e il vitello rispetto a un allontanamento precoce già dal primo giorno;
  • alcuni vitelli possono soffrire di diarrea per l’eccessiva assunzione di latte;
  • dopo lo svezzamento, la diminuzione dell’incre­mento ponderale può essere maggiore rispetto al sistema convenzionale;
  • se i vitelli hanno pochi contatti con l’uomo, la pre­senza di quest’ultimo può comportare stress, al fine di evitare lo stress e avere animali abituati alla presenza dell’uomo è necessario mantenere un rapporto costante con gli animali;
  • traumi ai capezzoli possono comparire se diversi vitelli grandi si attaccano contemporaneamente alla vacca balia, per questo è bene osservare le balie con attenzione;
  • il primo estro della vacca madre può essere ri­tardato;
  • ci sono anche casi isolati di mastite da Pasteurella e Mycoplasma bovis, probabilmente trasmessi dalla bocca del vitello al capezzolo;
  • è necessario prestare attenzione a infezioni da Staphylococcus aureus, che possono essere trasmesse dalla mammella ai  vitelli;
  • è complicato monitorare accuratamente la produ­zione perché è difficile quantificare il latte che è stato bevuto dai vitelli;
  • in caso di vendita di vitelli destinati all’ingrasso ad allevamenti con il sistema al secchio è necessario insegnarli ad usare il secchio poiché non sono abituati;

Scopri di più sull’allevamento bovino continuando a leggere gli altri articoli disponibili sul sito.

vitaagricola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
+