La riproduzione nei suini

riproduzione suini

Scopri di più sulla riproduzione dei suini attraverso una serie di domande e di risposte.

I suini sono animali molto prolifici possono partorire due volte all’anno, 12 suinetti per parto.

Questo ed altri aspetti della riproduzione dei suini verranno trattati in questo articolo di carattere generale, dove attraverso una serie di domande e risposte verrà affrontato l’argomento.

A questo seguiranno poi altri articoli che approfondiranno maggiormente gli aspetti più importanti della riproduzione suina.

La riproduzione nei suini: domande e risposte

Quand’è la stagione riproduttiva nei suini?

La scrofa è un animale a ciclo poliestrale annuale ciò significa che in grado di riprodursi durante tutto l’anno, perché entra in calore ogni 21 fino a quando non avviene il concepimento. Per questo motivo i maiali tendono ad accoppiarsi frequentemente quando vivono in libertà, potendosi riprodurre durante le diverse stagioni dell’anno.

Per quanto tempo è fertile la scrofa?

Nelle femmine fertili e sane, il periodo di calore (estro) dura solitamente tra le 40 e le 72 ore

A che età i maiali possono accoppiarsi per la prima volta?

Il momento ottimale per la riproduzione nei maiali dipende dall’ambiente e dallo stato di ciascun animale. Le femmine e i maschi raggiungono solitamente la maturità sessuale tra i sei e gli otto mesi; a questa età sono già fertili, ma si consiglia di attendere il primo anno di vita per garantire un migliore allevamento.

Quanto dura la gravidanza?

La gravidanza nei suini dura 114 giorni, che corrispondono a 3 mesi, 3 settimane e tre giorni.

Quanti parti all’anno può avere una scrofa?

Le scrofe possono partorire anche 2 volte all’anno.

Ad ogni parto quanti suinetti possono nascere?

Il numero di suinetti per parto può essere influenzato da diversi aspetti quali razza dell’animale, età ecc. In media ogni scrofa partorisce 12 suinetti.

I maiali e i cinghiali si possono accoppiare?

I maiali selvatici tendono a ibridarsi senza problemi con i cinghiali, sia nelle zone in cui questi ultimi sono naturalmente presenti, sia nelle zone in cui essi sono stati introdotti dall’uomo, siano essi maschi o femmine. Solitamente gli incroci tra cinghiali e suini danno vita a esemplari di colore scuro e talvolta con chiazze bianche

Scopri di più sull’allevamento suino, continuando a leggere gli articoli presenti sul sito.

vitaagricola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
+