Il fagiano: classificazione, origine, diffusione, principali caratteristiche

fagiano

Conosciamo insieme il fagiano, questo bellissimo uccello dai colori sgargianti. Eccone una breve carta d’identità.

La carta d’identità del fagiano

Fagiano è un nome generico dato ad un gruppo di uccelli appartenenti alla famiglia dei Phasianidae che comprendente 13 generi, tutti originari di varie zone del continente asiatico.

Origine: il territorio d’origine di quest’uccello si estende dalle rive orientali del Mar Nero a quello sud occidentali del Mar Caspio.

Diffusione: il fagiano dal suo territorio d’origine si è poi diffuso verso oriente in Asia, mentre in altre regioni, come Europa, America del Nord, America latina, Australia e Nuova Zelanda, è stato introdotto dall’uomo.

In Italia  è una specie alloctona introdotta in epoca storica. Lo stato di conservazione del fagiano nella penisola è fortemente disomogeneo, da un lato vi sono popolazioni naturali dotate di una relativa stabilità e con buone densità, dall’altro si assiste a continue fluttuazioni di nuclei neo costruiti originati dalle introduzioni.

Principali caratteristiche: il fagiano è caratterizzato da un elevato dimorfismo sessuale, il maschio presenta colori sgargianti mentre la femmina ha una colorazione mimetica. Predilige ambienti caratterizzati dall’alternanza di coltivazioni, incolti, cespugli e piccoli boschi con strato arbustivo. Il suo habitat si estende dal livello del mare fino ai 1500 metri. Animale sedentario e terricolo, usa gli alberi per proteggersi dai pericoli.

Il fagiano è un animale gregario, generalmente i piccoli gruppi di maschi vivono quasi tutto l’anno separati da quelli delle femmine che dimostrano una maggiore socialità, unendosi in branchi di anche 30 individui. Durante il periodo d’accoppiamento i maschi diventano territoriali e stabiliscono il loro territorio d’azione, possono tollerare sulla stessa area altri maschi purché sterili. Le femmine invece, durante la stagione riproduttiva, si spostano da un areale all’altro. Con la schiusa delle uova si formano piccoli gruppi famigliari di madri con i propri piccoli, a settembre- ottobre i giovani si allontanano dalle madri e formano piccoli gruppi assestanti.

La stagione riproduttiva inizia a marzo con picchi ad aprile, si può protrarre fino ad agosto-settembre. In media le femmine fanno due covate all’anno. I fagianotti sono abbastanza precoci, a 80-90 giorni sono già indipendenti.

Il fagiano è allevato principalmente come animale ornamentale o per la reintroduzione in natura.

Continua a leggere gli altri articoli dedicati alla selvaggina allevabile.

vitaagricola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
+