Come incubare le uova di quaglia

incubare uova di quaglia

Se sei intenzionato ad avviare un piccolo allevamento di quaglie e vuoi occuparti anche della riproduzione dei tuoi animali, devia sapere che la quaglia domestica difficilmente coverà e sarai tu che dovrai preoccuparti d’incubare le uova.

L’incubazione delle uova di quaglia non è molto diversa da quella da quella delle uova di gallina, ci sono solo alcune piccole differenze come la dimensione delle uova e la durata dell’incubazione.

Grazie a quest’articolo potrai sapere:

  • quali uova usare;
  • come conservare le uova prima dell’incubazione;
  • come avviene l’incubazione;
  • quale incubatrice usare;

Informazioni utili per incubare le uova di quaglia

Quali uova usare

Non si possono usare le uova del supermercato, perché difficilmente saranno feconde, devono essere acquistate da qualche allevatore di fiducia che presenta maschi e femmine assieme. Le uova non devono essere troppo piccole, lesionate o malformate, eccessivamente imbrattate di feci o troppo vecchie.

Come conservare le uova prima dell’incubazione

Le   uova fecondate vanno conservate a una temperatura di 10- 15 ° C, il che è ottimale per impedire lo sviluppo dei pulcini, mantenendo comunque vivo l’embrione. Temperature più vicine al congelamento possono uccidere il pulcino, mentre temperature più elevate, per periodi prolungati, possono avviare troppo presto lo sviluppo dell’embrione.

 Meglio mantenerle in un luogo buio e conservarle per massimo 10 giorni, dopo di che la % di schiusa diminuisce.

Come avviene l’incubazione

Le uova appena deposte prima poter essere incubarle devono attendere 24-48 ore di modo che si formi bene la camera d’aria. Se le uova sono state conservate alla temperatura di 10-15°c, lasciale un giorno a temperatura ambiente per evitare che subiscano uno shock termico.

L’incubazione delle uova di quaglia dura 16-17 giorni. Per i primi 14 giorni la temperatura ideale per una corretta incubazione è di 37,5-37,8° c con un umidita del 55-60%, durante questo periodo le uova vanno girate quotidianamente, nel caso non ci sia il rivoltamento automatico nell’incubatrice. Per assicurarsi di averle voltate tutte è utile fare una piccola croce su un lato dell’uovo con una matita.

Durante gli ultimi 3 giorni le uova non vanno più girate e l’umidità deve salire a 70-75%. Prima di rimuovere dall’incubatrice i pulcini è bene attendere che siano ben asciutti.

Quale incubatrice usare

Sailnovo incubatrice

La capacità di quest’incubatrice è di 12 uova di gallina, 9 di anatre e fino a 35 uova di quaglia. È completamente trasparente e ciò permette di osservare in qualsiasi momento lo sviluppo dei pulcini. È adatta ad un allevamento amatoriale di piccole dimensioni.

Vantaggi

Svantaggi

  • rivoltamento automatico
  • poco ingombrante
  • adatta a tutti i tipi di uova
  • di semplice utilizzo
  • nel caso la si utilizzi anche per le uova di gallina, la sua capacità è limitata
  • basso controllo sui parametri come l’umidita
  • poco isolata, non può essere posizionata in un luogo troppo freddo o caldo, perché difficilmente terrebbe la temperatura.

 

Borotto Real 24 Automatica

Borotto Real è un’incubatrice automatica professionale, a ridotto consumo di energia, per uova di gallina, fagiano, faraona, quaglia, starna, pernice, anatra, germano, oca, tacchino, pavone, coturnice, piccione, colino, uccelli esotici e rapaci. Capienza: fino a 24 per uova delle dimensioni di quelle delle galline oppure 96 uova per quelle di piccole dimensioni (tipo quaglia), grazie agli alveoli porta-uova universali brevettati.

Vantaggi

Svantaggi

  • rivoltamento automatico
  • basso consumo d’energia
  • adatta a tutti i tipi di uova
  • di semplice utilizzo
  • il sistema elettronico agisce in modo tale da mantenere costante la temperatura impostata, anche al variare della temperatura dell’ambiente esterno alla macchina,
  • basso controllo sui parametri come l’umidita
  • costosa
  • non completamente trasparente e ciò può limitare la visuale sulle uova

Continua a leggere gli altri articoli dedicati alla selvaggina allevabile.

vitaagricola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
+