Come fare il formaggio: la ricetta del primosale

ricetta primosale

In quest’articolo ci sono tutte le informazioni necessarie per fare il primosale, troverai una ricetta che ti guiderà passo dopo nella realizzazione di questo formaggio.

Il primosale è un formaggio fresco realizzato con il latte vaccino intero, può essere consumato dopo poche ore dalla sua produzione. Presenta un sapore delicato, dolce e un odore caratteristico di latte fresco, una pasta omogenea, elastica dal colore bianco latte.

Viene prodotto durante tutto l’anno, le principali zone di produzioni sono: la Lombardia, il Piemonte, il Veneto e l’Emilia.

Si tratta di un formaggio ideale per realizzazione di piatti freschi e insalate.

Cosa è necessario avere per fare il primosale

Per fare il primosale è necessario avere:

  • latte fresco
  • yogurt naturale
  • caglio

Come fare il primosale: la ricetta passo dopo passo

Versa il latte pastorizzato nella casseruola e portalo alla temperatura di 35°C. Aggiungi quindi lo yogurt naturale (5%) ed il caglio (3,5 g di caglio liquido ogni 4,5 litri di latte).

Dopo 2 ore, il latte, trasformatosi in cagliata, avrà assunto una consistenza gelatinosa, molto simile a quella di un budino. A questo punto, devi procedere con la rottura della cagliata, ovvero con la separazione della parte solida da quella liquida. Per i formaggi a pasta molle, l’ideale è “rompere” la cagliata con un frustino, in modo molto delicato.

Trasferisci la cagliata poi in apposite fuscelle, che devono essere rialzate per favorire la fuori uscita del siero. Puoi anche muovere spesso la fuscella con movimenti rotatori per facilitare lo spurgo. Per velocizzare il processo puoi collocare  un peso direttamente nella fuscella.

Quando la massa solida si sarà completamente “asciugata” dal siero, puoi procedere con la salatura del formaggio, che può essere eseguita a secco oppure in salamoia.  Dopodiché, il formaggio è pronto per essere consumato.

È possibile fare il primo sale con verdure basta rimuovere il siero, mescolare la verdura (ad esempio le olive) con la cagliata fatta a pezzi e poi riporre tutto nelle fuscelle

vitaagricola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
+